LA LOBBY ENEL ALLA CAMERA. Bene ha fatto il sottosegretario Gentile a invitare i deputati della maggioranza a ritirare gli emendamenti al ddl Concorrenza che diversamente, allungando ulteriormente i tempi, rischiano di vanificare ogni politica della concorrenza in questa legislatura. Il Senato non aveva riaperto la discussione su questo tormentato provvedimento e aveva votato la questione di fiducia posta dal governo, pur essendo diffusa la consapevolezza che in taluni punti, specialmente sul superamento del servizio di maggior tutela nel settore elettrico, il ddl era e resta bisognoso di non trascurabili miglioramenti.

Continua Qui

All posts by Massimo Mucchetti

http://massimomucchetti.it/chi-sono/
  • La svolta della web tax

    Una nuova tassa del 6% sul fatturato. E l’obbligo per banche e carte di credito di segnalare tutte le transazioni all’Agenzia delle Entrate. Massimo Mucchetti, primo firmatario dell’emendamento sulla web tax alla legge di bilancio 2018, ne parla su Repubblica.

  • Pd, cambiate il segretario

    Massimo Mucchetti intervistato dal Fatto Quotidiano chiede un cambio al vertice della Segreteria del Pd.

  • Pd, rispetti Bankitalia

    Massimo Mucchetti, intervistato da Valentina Conte di Repubblica, interviene sulla mozione Pd approvata ieri alla Camera contro il governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco.

  • La Cassazione non fa luce

    Il servizio elettrico è ancora un diritto di cittadinanza? Massimo Mucchetti ne parla in una intervista su RiEnergia.

  • Tim, tre mosse per la rete

    Un negoziato tra il governo e gli azionisti di Telecom, i francesi di Vivendi, è in corso – nonostante le smentite del gruppo telefonico – per decidere le sorti dell’infrastruttura fissa. L’operazione dovrebbe passare per la scissione proporzionale di Tim in una società di servizi e una di rete, il cui controllo – pari al 23,9% da parte di Vivendi – verrebbe ceduto alla Cdp.

  • Telecom, la mossa del cavallo

    Il conflitto tra Telecom Italia e Open Fiber ha tenuto banco nelle cronache politico-finanziarie di un agosto privo di grandi affari reali. Tema del contendere sono state le reti d’accesso di nuova generazione in fibra ottica, il destino della rete storica in rame, l’impatto del ruolo dominante della francese Vivendi in Telecom sulla sicurezza nazionale. In verità, il conflitto si è consumato più sulle pagine dei giornali che tra cantieri concorrenti. L’intervento di Massimo Mucchetti sull’Huffington Post.

  • Un errore a fin di bene

    L’intervento di Massimo Mucchetti in risposta al fondo di Alberto Alesina e Francesco Giavazzi del 12 agosto scorso. 

  • La Concorrenza e i colossi del web

    Il disegno di legge sulla concorrenza è stato approvato martedì dal Senato in via definitiva, epilogo di un iter durato circa due anni e mezzo. Il provvedimento ha scatenato molte polemiche. Il presidente della Commissione Industria, Massimo Mucchetti, non ha partecipato al voto in dissenso con il partito, il Pd, del quale era stato, come indipendente, capolista alle elezioni del 2013 in Lombardia. L’intervista a BresciaOggi.

  • Ddl Concorrenza, perché non voto

    Riproponiamo la dichiarazione in dissenso di Massimo Mucchetti, durante le dichiarazioni di voto sulla fiducia al Ddl Concorrenza, tenutesi oggi in Aula a Palazzo Madama.

  • Tim/Open Fiber, meglio la pace

    Nel 2006 Telecom era padrona del mercato in Italia. A Londra la Ofcom studiava la separazione della rete. In Europa, gli incumbent delle tlc erano i monopoli cattivi, gli over the top, come Google e Apple, gli sfidanti buoni. Oggi in Italia Il potere di mercato di Telecom si è ridotto, il primo operatore mobile è Wind. In Europa nessuno ha varato la separazione proprietaria della rete. Oggi i veri monopoli terribili sono gli over the top, le telecom company hanno margini decrescenti e devono fare grandi investimenti. L’intervista di Massimo Mucchetti sul Fatto Quotidiano.