WEB TAX, IL GIOCO DELLE TRE CARTE. Invito formalmente il governo a rimediare al grave errore commesso questa notte dando parere favorevole all'emendamento sulla web tax, presentato dal relatore alla Camera. La norma colpisce in modo pesantissimo le imprese italiane del web dimezzando l'onere a carico delle multinazionali digitali, ammesso che a queste venga in concreto applicata l'imposta

Continua Qui

La paga di Moretti e dei “boiardi”


Sulla partita delle nomine si è abbattuto il ciclone del taglio delle remunerazioni dei manager di Stato, un taglio al quale si è opposto Mauro Moretti, amministratore delegato delle Ferrovie dello Stato. Massimo Mucchetti su l’Unità. 

La paga di Moretti

Sulla partita delle nomine, che ha l’unico momento pubblico nelle audizioni al Senato dei capi di Eni, Enel, Finmeccanica e Terna , si è abbattuto il ciclone del taglio delle remunerazioni dei manager di Stato, sostenuto dal premier in persona. Un taglio al quale si è opposto Mauro Moretti, amministratore delegato delle FS, il cui mandato è già stato rinnovato mesi fa, con argomentazioni condivisibili quanto minoritarie. Ora, siccome Moretti ha risanato i conti delle FS costando meno della metà del suo predecessore che aveva proseguito nel disastro di sempre, vale la pena di capire prima perché Renzi è maggioritario e Moretti no e poi se questo sia l’unico modo di trattare la questione dei soldi.

L’iniziativa di Matteo Renzi, diciamolo subito, dà soddisfazione a un sentimento diffuso nell’opinione pubblica. Aveva già battuto la stessa strada nel 2007 il governo Prodi su pressione di Rifondazione e comunista, che l’anno prima prometteva di “far piangere i ricchi” non sapendo come far sorridere i poveri. Anche il governo Letta aveva sforbiciato qua e la’, ma salvando i capi delle aziende presenti sul mercato finanziario con azioni e/o obbligazioni quotate. Con il risultato di colpire la busta paga di pochissimi, l’ad di Invitalia e non ricordo più chi altri.

Oggi, nella primavera del 2014, al sesto anno di crisi, Renzi vorrebbe superare le eccezioni del suo predecessore e colpire a tappeto, anche se non è chiaro se è come vorrà incidere sulle total compensation delle società quotate delle quali il Tesoro detiene il controllo di fatto. Il taglio generalizzato sembra non tenere in alcun conto né la qualità professionale delle persone né la consistenza dei risultati. Un taglio lineare, insomma, che si giustifica con il pregiudizio secondo il quale tutti i servizi pubblici sono pessimi e dunque incapaci vanno considerati i loro gerenti. Togliere denari a queste persone avrebbe il significato di un risarcimento.

Sono sicuro che il premier ha un’opinione ben più articolata e sofisticata, ma la gente che si forma l’opinione ascoltando i talk show, leggendo i tweet sullo smartphone o smanetta sul web non fa troppe distinzioni. Un numero crescente di persone, che ancora nel 2007 non aveva niente da ridire sulle banche, faceva mutui pari al 100% del valore della casa e comprava a debito un po’ tutto trovando chi gli dava credito, oggi sta scivolando verso un neopauperismo radicale pieno di rancore sociale e povero di speranza. Sì, povero di speranza nella possibilità di farcela. Quando l’ascensore sociale si ferma, cambia il modo di pensare. E da chiunque sia considerato parte della classe dirigente si pretende il pagamento di un prezzo.

Moretti avverte che, sotto certe soglie retributive, le aziende pubbliche perderanno i cervelli migliori perché questi potranno trovare alternative nel settore privato italiano o addirittura all’estero. Porre come punto di riferimento il compenso del capo dello Stato ha senso per chi fa politica nelle istituzioni e forse anche per l’alta burocrazia che, per la posizione che occupa, non può andare sul mercato. Ma un capo del personale è un capo del personale e non ha senso pagare chi ha la responsabilità di 80mila persone meno di chi ne deve seguire 8 mila o fors’anche 800. Alla fine le aziende, pubbliche o private che siano, sono aziende. In Germania, che ha una pubblica amministrazione e un sistema di grandi imprese pubbliche e private più serie dell’Italia, il capo di Deutsche Bahn prende il triplo del capo di FS e non so quanto di più del cancelliere Angela Merkel e del presidente della Repubblica Federale di Germania.

Dunque, di che parliamo? Già, di che parliamo quando diciamo che Moretti deve prendere non più di quanto non prenda il presidente Napolitano? Parliamo del fatto che il Paese in sofferenza merita solidarietà. E qui l’iniziativa del premier può prendere quota seriamente. Purché si abbandoni l’idea del taglio lineare riservato alle sole aziende pubbliche e ai pubblici dipendenti e si passi a un piano di solidarietà generalizzato. Il Paese che soffre, infatti, non è tutto il Paese ed è giusto – oltre che utile ai fini della convivenza civile – che chi più ha più dia, magari per un periodo temporaneo. Ma ancor più sarebbe proficuo riattivare l’ascensore sociale che solo può restituire, con la speranza, il buon umore che aiuta a superare momenti difficili. I salari di chi ha responsabilità elevate, sia nel settore pubblico sia i quello privato, possono e devono essere un multiplo di quelli medi o, meglio, del salario mediano di ciascuna impresa dove abbia senso istituire tali relazioni. Ma nulla vieta al governo di chiedere – o pretendere – un contributo speciale a un fondo di solidarietà da dedicare a nobili scopi. Un contributo a fondo perduto ovvero la sottoscrizione di un Btp a tasso stracciato. Si vedrà.

Adesso il governo deve affrontare la partita delle nomine. Nelle società a partecipazione statale si è formata una giungla retributiva. Tra Finmeccanica e l’Eni c’è un abisso. I beneficiari delle remunerazioni veramente d’oro assicurate dal paracaduti di platino hanno sempre giustificato le loro pretese sostenendo che questa è la legge del mercato. Molti giornali, inondati di pubblicità istituzionale che salva i budget tremolanti delle loro concessionarie, hanno fatto da grancassa.

Ma non è vero che nel mondo non esistano grandi manager disposti a pestare la loro opera, per cifre nettamente inferiori a quelle i uso da 10-15 anni da noi. Il capo della francese Total guadagna la metà del capo dell’Eni e la Total va pure meglio. Idem per il capo di Edf rispetto all’Enel. Enrico Mattei, il fondatore dell’Eni, viveva in modo francescano. Ora nessuno pretende che rinasca un Mattei. Beato quel Paese che non ha bisogno di eroi, diceva Brecht e aveva ragione. E infatti i top manager francesi che ho citato, guadagnano molto bene, ma molto meno dei colleghi italiani.

Ora, la campagna del governo sulle paghe potrà evitare le secche del populismo, che paga alle urne oggi ma non costruisce nulla per il domani, se chiamerà tutti a un contributo solidale: non solo Moretti, ma anche Montezemolo, per capirci al volo. E poi se farà in modo che anche nelle società quotate a controllo pubblico ci siano retribuzioni più contenute e legate ai risultati più seriamente di quanto non sia accaduto finora. Ma come si fa con le società quotate, diranno gli amici del giaguaro? Semplice, il Tesoro metterà in lista non solo i migliori ma anche i migliori non così avidi da non capire che, di questi tempi, chi guida una grande azienda pubblica può ben guadagnare di più di Napolitano, che fa un altro mestiere, e di meno della maggior parte degli uscenti. I comitati per le remunerazioni, formati da consiglieri indipendenti non all’orecchio del Tesoro, potranno dire quello che vogliono, ma se gli interessati si auto limitano non potranno far altro che prenderne atto, com’è accaduto in Finmeccanica.

Da questi manager, che si dovranno sentire onorati di servire l’interesse generale nelle imprese a controllo pubblico e l’interesse generale mediato con quello degli altri soci nelle società quotate a controllo pubblico, sarebbe lecito attendersi forme di coinvolgimento dei lavoratori nel reddito d’impresa legando l’evoluzione delle retribuzioni del vertice a quelle della base.

C’è stato un tempo in cui le aziende pubbliche facevano miracoli, e Renzi a Firenze avrà sentito parlare di La Pira e del Nuovo Pignone. Non è necessario che si ripetano, anche perché al Pignone ha poi fatto bene anche la General Electric. Ma c’è stato un tempo in cui le Partecipazioni statali aprivano le porte a contratti migliori per i dipendenti. Poi hanno deviato verso consociazioni con i sindacati non certo ripetibili. Ma se lo Stato fa l’azionista come Agnelli, che Stato è?

(Massimo Mucchetti su l’Unità, 23 marzo 2013, vai qui per l’articolo)

Sull’argomento, leggi anche: La dottrina Berlinguer sulle nomine di Stato, di Massimo Giannini.