Non mi aggiungo al rito dell'applauso al discorso di Boccia. In taluni passaggi lo meriterebbe, ma se lo mettiamo in relazione al discorso successivo di Calenda, un vero manifesto di governo che ha scaldato i cuori in sala, il presidente della Confindustria è sembrato aver perso il treno del confronto a tutto campo con l'esecutivo Gentiloni. Preferisco dunque manifestare una delusione e dire di quattro sfide non ancora affrontate da Confindustria.

Continua Qui
  • Rossi il tosco e la demagogia

    L’intervista del governatore della Toscana mi tira i ballo. Dice Rossi: come si permette un senatore nominato di parlare di un Senato di mezze cartucce ove la Camera Alta fosse composta da consiglieri regionali eletti dal popolo?

  • Senato, libertà di coscienza

    Gli emendamenti alla riforma del Senato non rappresentano un voto di fiducia. Si tratta di materia squisitamente parlamentare che non coinvolge la responsabilità del governo.

  • Fca, Marchionne e il fattore T

    L’altro ieri Sergio Marchionne ha rilanciato l’idea di fondere FCA e GM rispondendo alle domande di Francesco Guerrera per la “Stampa”. Il chief executive officer di FCA giustifica il rifiuto opposto dalla casa di Detroit.

  • Ilva, la prova del fuoco

    Il banco di prova del Governo sulla questione meridionale potrà funzionare nel tempo se superiamo, adesso, la prova del fuoco costituita dall’Ilva. Il commissariamento dell’Ilva deve portare al salvataggio del centro siderurgico di Taranto.

  • L’emerito e la destra Pci

    La matrice culturale e politica del presidente emerito Napolitano è una matrice ricca ma anche ambigua, che deriva da quel grande che fu Giorgio Amendola, patriota italiano ed europeista, ma anche filo sovietico al punto di sostenere l’Armata Rossa in Afghanistan.

  • Presidente, oggi mi delude

    La lettera di Giorgio Napolitano al Corriere della Sera a tutela della riforma costituzionale (o controriforma secondo molti, quorum ego) ha suscitato entusiasmoe amareggiate riserve fra le minoranze dem. Confesso che anch’io ci sono rimasto male.

  • Botta e risposta su l’Unità

    L’editoriale di venerdì scorso del vicedirettore de l’Unità, Vladimiro Frulletti, in occasione del voto al Senato sulla riforma della Rai, ha suscitato un botta e risposta tra Massimo Mucchetti ed Erasmo D’Angelis, direttore del quotidiano fondato da Antonio Gramsci. 

  • Industria, se passa lo straniero

    Il sistema finanziario italiano, da sempre asfittico, si è fatto ancora più debole e non regge più le grandi imprese alla prova della competizione globale in un mercato dei capitali senza confini.

  • Rai, nessuna imboscata

    Nessuna imboscata. Avevamo già chiarito le nostre riserve nel gruppo e in Commissione. In Aula avevamo chiesto di accantonare la delega sul canone Rai per migliorarla. Ma il Governo ha deciso di tirare dritto.

  • Auto, la svolta che serve al Paese

    La ricerca Unioncamere – Prometeia “Il settore automotive nei principali Paesi europei”, promossa dalla Commissione Industria, Commercio e Turismo del Senato della Repubblica, traccia il percorso di una svolta che serve al Paese.