LA LOBBY ENEL ALLA CAMERA. Bene ha fatto il sottosegretario Gentile a invitare i deputati della maggioranza a ritirare gli emendamenti al ddl Concorrenza che diversamente, allungando ulteriormente i tempi, rischiano di vanificare ogni politica della concorrenza in questa legislatura. Il Senato non aveva riaperto la discussione su questo tormentato provvedimento e aveva votato la questione di fiducia posta dal governo, pur essendo diffusa la consapevolezza che in taluni punti, specialmente sul superamento del servizio di maggior tutela nel settore elettrico, il ddl era e resta bisognoso di non trascurabili miglioramenti.

Continua Qui

All posts tagged "Banche"

  • Pd, rispetti Bankitalia

    Massimo Mucchetti, intervistato da Valentina Conte di Repubblica, interviene sulla mozione Pd approvata ieri alla Camera contro il governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco.

  • Banche venete, otto domande

    Siamo chiamati a rendere alla Commissione di merito il parere della Commissione Industria, Commercio e Turismo sul salvataggio della Banca Popolare di Vicenza e di Veneto Banca, che si articola nella cessione di un vasto compendio aziendale a Intesa Sanpaolo e nella liquidazione coatta amministrativa di quanto resta delle due banche venete. Così Massimo Mucchetti nel parere parlamentare sul Dl banche venete.

  • Banche, la sfida all’Ue

    Intesa Sanpaolo offre un euro per le due aziende bancarie, alleggerite dai crediti deteriorati e a patto di conservare i propri requisiti patrimoniali e confermare i dividendi. Per realizzare queste condizioni, a Intesa servono – mal contati – 3 miliardi per ristrutturare le venete e 3 per evitare impatti sul patrimonio. Inoltre, Intesa non dovrebbe rimborsare i 7 miliardi di obbligazioni con garanzia statale, emesse dalle due venete per contrastare il crollo della raccolta. L’intervista di Massimo Mucchetti su Repubblica.

  • Banche, siamo seri

    Una Commissione di inchiesta, che chiude entro la fine della legislatura, non può che focalizzare l’oggetto della propria indagine, altrimenti non approderà a nulla di serio. D’altra parte, una tale Commissione non può avere lo scopo di ridiscutere le scelte del legislatore ma quello di fare luce sull’azione di governo, Banca d’Italia, Bce e Consob sui casi più controversi. L’intervista di Massimo Mucchetti al Corriere della Sera.

  • L’autogol di Maria Elena

    Caro direttore, con l’intervista al “Foglio”, Matteo Renzi ha sprecato un’occasione. All’ex premier sarebbe bastata metà dello spazio per sostenere Maria Elena Boschi, se avesse avuto buoni argomenti. Con l’altra metà, avrebbe potuto spiegare come mai Banca Etruria sia fallita in quel modo, quali siano stati gli errori nostri e dell’Europa, chi e come non abbia capito per tempo i disastri del bail in. Renzi, invece, l’ha girata sul personale: de Bortoli ce l’ha con lui, fa marketing per il suo libro, e tanto dovrebbe spiegare tutto. Piccole, usurate astuzie da politico d’antan. Che aggravano la situazione. L’intervento di Massimo Mucchetti sul Foglio.

  • Banche, inchiesta e testimoni

    La Commissione d’inchiesta sulle banche, sia pur con ritardo, è destinata a prender le mosse in questa legislatura avendo effettivamente poco tempo davanti a sé. Se non vuole diventare una semplice palestra per opposte demagogie, la Commissione ha tutto l’interesse a delimitare il campo della propria analisi allo scopo di giungere a conclusioni che possano essere utili. L’intervento in Aula al Senato di Massimo Mucchetti sui disegni di legge per la costituzione di una commissione d’inchiesta parlamentare sul sistema bancario e finanziario

  • Le banche e le sofferenze

    Questo decreto-legge segna una forte inversione di tendenza rispetto alla linea delle privatizzazioni «senza se e senza ma» che ha contraddistinto l’azione di governo negli gli ultimi vent’anni. Torna lo Stato banchiere sulle ceneri dei fallimenti del mercato e di alcune banche private o privatizzate. Così Massimo Mucchetti, intervenendo in aula a palazzo Madama durante la discussione generale sul decreto-legge “salva banche”.

  • Banche, torna lo Stato azionista

    Il decreto-legge su MPS è unn provvedimento assai rilevante, che segna una svolta sia per le risorse stanziate sia per il significato che il ritorno dello Stato nazionalizzatore potrà avere nella storia dell’economia italiana. Così si legge nella relazione al decreto che Massimo Mucchetti ha illustrato alla commissione Industria di Palazzo Madama.

     

  • Il Pd, Salvati e i chierici vaganti

    Michele Salvati è stato il primo sostenitore della fusione tra il Pds, di cui era stato deputato, e la Margherita. L’idea del Pd come partito a vocazione maggioritaria gli appartiene. Se ora, nell’ultimo articolo sul “Corriere” (“Una coalizione riformista contro i populismi”, 4 gennaio 2017), intona il “de profundis” di quella sua, ambiziosissima idea, Salvati merita un ascolto particolare.  L’intervento di Massimo Mucchetti su Huffington Post.

  • Mps, Padoan sta sbagliando

    Credo che Padoan sbagli. I trattati e la stessa procura del bail consentono di negoziare eccezioni. Certo, un governo deve decidere che cosa vuole a Bruxelles, quali sono le sue priorità. L’intervento pubblico temporaneo in MPS, nel caso l’operazione di mercato non vada a buon fine, resta un’opzione da tenersi aperta invece di vietarsela da soli, ripetendo gli errori dell’autunno 2015 sulla risoluzione delle quattro piccole banche. Così Massimo Mucchetti in un intervento su l’Unità di oggi.