LA LOBBY ENEL ALLA CAMERA. Bene ha fatto il sottosegretario Gentile a invitare i deputati della maggioranza a ritirare gli emendamenti al ddl Concorrenza che diversamente, allungando ulteriormente i tempi, rischiano di vanificare ogni politica della concorrenza in questa legislatura. Il Senato non aveva riaperto la discussione su questo tormentato provvedimento e aveva votato la questione di fiducia posta dal governo, pur essendo diffusa la consapevolezza che in taluni punti, specialmente sul superamento del servizio di maggior tutela nel settore elettrico, il ddl era e resta bisognoso di non trascurabili miglioramenti.

Continua Qui

All posts tagged "Governo"

  • Rai, Telecom e il ruolo dello Stato

    Domani il governo emanerà un decreto per costringere Telecom Italia a spegnere la rete fissa in rame dei telefoni entro una certa data per avere l’agognato passaggio alla banda ultralarga o sceglierà un’altra strada più...

  • Torri Raiway, parli il CdA

    Il Patto del Nazareno c’entra? “Non lo so, quella di Ei Towers è un’offerta strana”. Così Massimo Mucchetti intervistato oggi sul Fatto Quotidiano da Wanda Marra. Il governo ha detto che la Rai manterrà il...

  • Ilva, ci giochiamo la credibilità

    Il disegno di legge di conversione ha migliorato il decreto che dà corpo normativo alle soluzioni che ora consentiranno all’Ilva di riprendere, investire e rendere più compatibile la produzione con l’ambiente circostante. Abbiamo fatto bene a...

  • Rassegna, oggi in primo piano

    Politica interna Napolitano – La Repubblica: “Napolitano: ‘Antipolitica eversiva’”, “Il commiato del capo dello Stato all’Accademia dei Lincei: stop al degrado morale e sociale del Paese. Allarme per la patologia populista che catalizza la rabbia...

  • L’Italia non perda l’acciaio

    “L’Italia non può perdere la siderurgia e soltanto lo Stato può salvarla ma non è materia da direttanti allo sbaraglio”. Massimo Mucchetti, intervistato dal Corriere Economia, ritiene che il governo “debba assumersi le sue responsabilità...

  • Eni, Expo e Mose, il nodo onorabilità

    “Le dichiarazioni attribuite da Gad Lerner a Claudio Descalzi non mi sorprendono: il neo amministratore delegato ha avviato la “descaronizzazione” dell’Eni, forte del sostegno del premier. Ora Descalzi la rivendica. E fa bene. Ma le...

  • Sondaggio, le promesse di Renzi

    Le riforme promesse da Renzi: quasi il 70% è perplesso sulla loro realizzabilità. Vado al Massimo pubblica un recente sondaggio a cura dell’Istituto Ispo Ricerche guidato dal Professore Renato Mannheimer. Il presidente del Consiglio Matteo...

  • Camere piccole ma elettive

    Qual’era la posizione dei costituenti in tema di Senato elettivo e numero dei componenti delle Camere? In linea generale, sia durante tutti i lavori della Sottocommissione per la costituente che nella Commissione per la costituente,...

  • Riforme, troppa arroganza

    Sulle riforme, il premier e i suoi colonnelli sparano con il cannone contro una frotta di rondinelle e usare il voto delle europee come un voto a favore di una soluzione pasticciata per il Senato...

  • Nomine, due cose che non capisco

    L’intervento di Massimo Mucchetti sui nuovi vertici di Eni, Enel, Poste e Finmeccanica. I nuovi amministratori delegati hanno tutti una lunga esperienza alle spalle, ma i criteri di scelta non sono omogenei su punti di...