Non mi aggiungo al rito dell'applauso al discorso di Boccia. In taluni passaggi lo meriterebbe, ma se lo mettiamo in relazione al discorso successivo di Calenda, un vero manifesto di governo che ha scaldato i cuori in sala, il presidente della Confindustria è sembrato aver perso il treno del confronto a tutto campo con l'esecutivo Gentiloni. Preferisco dunque manifestare una delusione e dire di quattro sfide non ancora affrontate da Confindustria.

Continua Qui

All posts tagged "mise"

  • Renzi non fare il furbo

    Signor Segretario del Pd. Leggo che consideri un errore la modifica alla regolazione del teleselling introdotta nel disegno di legge sulla Concorrenza dal Senato. Sento il dovere di fare alcune osservazioni alle quali mi auguro tu risponda. La lettera aperta di Massimo Mucchetti a Matteo Renzi. 

  • Caro Lotti ti scrivo

    Caro Lotti, non voglio ora verificare se, in base al metro usato con Federica Guidi, esistano o meno tuoi conflitti di interesse. No, ora ti chiedo di fare con me due conti alla buona, proprio a partire dalla BCC di Cambiano per capire se e a chi convenga la scelta che palazzo Chigi ha inteso facilitare rispetto al ddl già negoziato. 

  • Senato, faro su Sogin

    I senatori del Pd, Massimo Mucchetti, Salvatore Tomaselli e Patrizia Manassero hanno presentato questa mattina un’interrogazione urgente al Governo in merito alle dimissioni dell’Amministratore delegato di Sogin.

  • L’Ilva? Diamola a Guerra

    Massimo Mucchetti interviene sull’Huffington Post sulla vicenda Ilva. Secondo il presidente della commissione Industria di palazzo Madama, Matteo Renzi ha ottenuto la disponibilità di un grande manager, Andrea Guerra, a fare gratis da consigliere a...

  • L’Italia non perda l’acciaio

    “L’Italia non può perdere la siderurgia e soltanto lo Stato può salvarla ma non è materia da direttanti allo sbaraglio”. Massimo Mucchetti, intervistato dal Corriere Economia, ritiene che il governo “debba assumersi le sue responsabilità...

  • Ilva, una sfida per il premier

    Finora Renzi si è tenuto lontano dall’Ilva, la più urticante delle patate bollenti dell’industria italiana. L’acuta sensibilità elettorale consiglia al segretario del Pd di non associare il proprio nome ad una battaglia dall’esito incerto. Alla...