RENZI, CALENDA E IL COMPLESSO DI CRONO. Nella mitologia greca, il titano Crono evira il padre Urano e divora i propri figli. Gli avevano detto che uno di questi l'avrebbe spodestato. Ma la moglie Rea gli nasconde l'ultimo nato e, al suo posto, gli offre una pietra, che Crono ingoia senza accorgersene. Il bimbo è Zeus, cresce e sconfigge l'atroce padre. Di questi tempi, l'Italia si ritrova con un Matteo Renzi che, da capo del governo, aveva attribuito sempre più elevate responsabilità a Carlo Calenda e poi, da candidato alla segreteria del Pd, trasforma quest'uomo in un traditore della causa attraverso la diffusione di indiscrezioni sulla stampa e il costante contrasto delle iniziative del ministero dello Sviluppo economico,di cui Calenda e' titolare.

Continua Qui

All posts tagged "Senato"

  • Ddl Concorrenza, colpire i monopoli

    Questo disegno di legge è poco ambiziosio, offre occasioni di investimento al capitale finanziario piuttosto che aggredire le ultime posizioni monopolistiche, dai porti alle autostrade, dalle concessioni idroelettriche alle reti infrastrutturali. 

  • Ilva, i piani e le speranze

    Il decreto-legge che andremo ad approvare non è la soluzione dei problemi dell’Ilva e della siderurgia italiana, tuttavia consente a questo, che non è il più grande gruppo industriale italiano, come è stato detto, ma il più grande gruppo siderurgico italiano, di comprare il tempo necessario per affrontare e una buona volta risolvere la questione.

  • Senato, faro su Sogin

    I senatori del Pd, Massimo Mucchetti, Salvatore Tomaselli e Patrizia Manassero hanno presentato questa mattina un’interrogazione urgente al Governo in merito alle dimissioni dell’Amministratore delegato di Sogin.

  • Riforme, nessuna resa

    Nessuna resa, volevamo l’elezione diretta del Senato e nella sostanza l’abbiamo ottenuta. La politica è anche l’arte del possibile. Ma rimangono problemi da risolvere.

  • Senato, l’arte del possibile

    Abbiamo la necessità di migliorare il testo che ci è stato consegnato dalla Camera per condurre in porto la riforma, non per bloccarla. Bisogna rafforzare l’azione del Governo  ma non possiamo cancellare e ridurre ad un simulacro la rappresentanza del corpo elettorale.

  • Riforme, accordo a portata

    L’intesa è a portata se, come diciamo da tempo, si modifica l’art.2. Anche con un intervento ‘chirurgico’. Basta scrivere tre parole: suffragio universale diretto.

  • Rossi il tosco e la demagogia

    L’intervista del governatore della Toscana mi tira i ballo. Dice Rossi: come si permette un senatore nominato di parlare di un Senato di mezze cartucce ove la Camera Alta fosse composta da consiglieri regionali eletti dal popolo?

  • Senato, libertà di coscienza

    Gli emendamenti alla riforma del Senato non rappresentano un voto di fiducia. Si tratta di materia squisitamente parlamentare che non coinvolge la responsabilità del governo.

  • Presidente, oggi mi delude

    La lettera di Giorgio Napolitano al Corriere della Sera a tutela della riforma costituzionale (o controriforma secondo molti, quorum ego) ha suscitato entusiasmoe amareggiate riserve fra le minoranze dem. Confesso che anch’io ci sono rimasto male.

  • Rai, nessuna imboscata

    Nessuna imboscata. Avevamo già chiarito le nostre riserve nel gruppo e in Commissione. In Aula avevamo chiesto di accantonare la delega sul canone Rai per migliorarla. Ma il Governo ha deciso di tirare dritto.